Giovedì, 17 Gen 2019
 
 
Giro delle Malghe (Lessinia) - 14 febbraio PDF Stampa E-mail
Scritto da Cristina   
Venerdì 19 Marzo 2010 00:00

Partiamo in una bella e fredda mattina.

Siamo in Lessinia, contrada Scandole. Presenti 17 bipedi e 6 quadrupedi..

Alla prima sosta, al baito dei Pastori, emerge che il Toni si è dimenticato le ciaspole… di neve ce n’è un bel po’, ma lui ha dimostrato di saper affrontare la fatica come deve ogni temprato e gagliardo alpinista (del tempo che fu..).

Ci sono anche due sciatori “fuori pista”: l’esperto Renato e  l’apprendista Carla, che scivola (in su) ignara e gaia.

Alla malga successiva sento Paolone che confessa di aver lasciato il pane in auto: ma tanto, dice, sono in dieta!

Chiara prova a mettersi le racchette, ma il suo piede “anticiaspole” la obbliga a toglierle poco dopo, dimostrando così anche lei di non essere meno tosta e gagliarda del vecchio alpinista.

Il giro prosegue di malga in malga (ne abbiamo ammirate 7/8), con sosta al freddo e al gelo a malga Baston. Riusciamo anche a procedere tutti abbastanza uniti!

Al ritorno qualcuno invoca l’auto: pare che l’anello non voglia chiudersi1

Bravo il Bussola che è riuscito a domare le ginocchia fino alla fine (della gita!), anche se volentieri si sarebbero ammutinate..

Brava la Carla, giunta stremata alla conclusione di questa tribolata esperienza sotto la guida di Renato, che ha cercato con tutto il tatto possibile(!) di guidarla e spronarla.

Dopo circa 6 ore di allegro ciaspolare abbiamo concluso un largo giro ad anello in cui, non so perché, l’andata è stata in salita (come di norma), ma pure il ritorno aveva un sacco di salite….misteri della Lessinia.

Alla prossima.

Ecco alcune immagini della gita:

   
Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Marzo 2010 19:49